Ecco perché le élites ci odiano

di

Adriano  Scianca

Adriano Scianca
(da     www.ilprimatonazionale.idi giovedì 26 marzo 2015)

  • Sta creando un certo dibattito, in Francia, il libro del giornalista Jack Dion, intitolato Le mépris du Peuple (Il disprezzo del popolo), che ha per sottotitolo: “Come l’oligarchia ha preso la società in ostaggio”. Per Dion, i partiti, ma soprattutto i partiti di sinistra, tendono sempre più a vedere il popolo come un nemico. È la “prolofobia”, la paura dei proletari (gli “sdentati”, come pare li chiami nell’intimità Hollande). 

 

  • Dion è il benvenuto: il "Primato nazionale" lo dice da un anno.   Speriamo che gli editorialisti dei giornaloni di casa nostra, sempre pronte a gridare al pogrom in qualsiasi rivolta spontanea nelle periferie delle nostre città, leggano il libro e facciano un bell’esame di coscienza. Anche se sappiamo che pochi faranno la prima cosa e nessuno la seconda.  L’odio delle oligarchie nei confronti del popolo è del resto un fenomeno più complesso, che va molto al di là della mera questione sociale. 
  • Riassumendo in una formula, relativa alla nostra nazione, possiamo dire questo: le élites odiano l’Europa da un punto di vista spirituale, l’Italia da un punto di vista culturale e la classi povere da un punto di vista sociale.

    Su queste tre direttrici viaggia la secessione delle élites dal popolo.   Le oligarchie sono innanzitutto anti-europee. Europeiste, rispetto alla Ue, ma anti-europee rispetto all’Europa come "forma".  È un odio sordo, talvolta inconscio, ancestrale, senza parole, talora invece esplicito e dichiarato. È l’odio per le lingue europee, per il pensiero europeo, per l’arte europea, per i volti degli europei stessi. Gran parte delle tendenze culturali degli ultimi settant’anni, in ogni ambito dello scibile umano, sono ispirate dalle “tre D” denunciate da Zemmour (ma in un senso ben più profondo da quanto inteso dal saggista francese): “derisione, decostruzione, distruzione”. Si è disarticolata la lingua, la filosofia, l’arte, l’architettura. Le élites cosmopolite odiano tutto questo. Le fa sentire a disagio, così come quel leader della sinistra francese che dichiarò di non poter vivere in un quartiere di soli bianchi con gli occhi azzurri.   Le oligarchie odiano poi l’Italia da un punto di vista culturale.

    L’asse su cui si è fatta la nazione, Risorgimento-Grande Guerra-Fascismo, le vede ora marginali, ora apertamente all’opposizione. Le culture egemoni nel dopoguerra, quella cattolica e quella comunista, hanno entrambe motivi di risentimento nei confronti del processo che ha portato l’Italia all’unificazione e sono entrambe, al fondo, internazionaliste. Da qui deriva l’atavica esterofilia delle élites italiane, la loro tendenza al disfattismo, al masochismo, all’autodenigrazione, cosa che in altre nazioni pure egualmente decadenti è del tutto sconosciuta.  Questa idea per cui certe cose accadano “solo in Italia”, per cui chiunque sta meglio di noi, sembra veramente dura a morire e culmina nel vecchio progetto dalemiano del “paese normale”.

    Un'espressione in cui ci sono almeno due sbagli: voler fare della nazione un “paese” (cioè un’entità collettiva spoliticizzata, innocua, simpatica, folclorica) e renderlo poi “normale” (ovvero uniformarlo agli standard politico-civili delle nazioni anglosassoni e protestanti in nome di un civismo d’accatto). 

    E poi c’è, appunto, l’odio per i poveri puro e semplice, che però si innesta sul tronco delle altre due tendenze, dato che non si odiano i poveri tout court, solo quelli autoctoni. I veri esclusi, i veri senza voce sono gli appartenenti alle classi popolari indigene, dato che i miserabili che vengono dagli altri continenti trovano sempre un politico, un regista, un editorialista, un artista di transavanguardia, un filosofo pronto a far loro da portavoce. Noi, invece, siamo soli.  Circondati dall’odio delle élites.

  •